L’importanza non si misura dalle notifiche sul telefono

Giusto per condividere 🙂 ...Share on Facebook
Facebook
6Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
0Share on LinkedIn
Linkedin
Buffer this page
Buffer

Scenario:
Ambiente di lavoro riunione o appuntamento importante. Nessuna regolamentazione. [ il galateo non è stato aggiornato 🙂 ]

Persone coinvolte:
Gente che si crede fichissima o semplicemente non conosce il suo telefono.

Situazione:
Ad un certo punto a qualcuno (spesso più di uno) squilla, si illumina o vibra il cellulare per le incessanti notifiche.

Domanda:
vi è mail capitato? Si? Il telefono era il vostro?

Partiamo da questo piccolo concetto insegnatomi da un vecchio maestro Zen :
“Durante riunioni o incontri importanti il telefono deve essere spento, questione di rispetto verso gli altri partecipanti”

Il maestro Zen ha ragione, ma in quest’era in cui senza il telefono non si vive e deve rimanere acceso 24 ore su 24, ci sono delle valide alternative al completo spegnimento del vostro apparato.
N.B. La vibrazione non è una soluzione se appoggiate il telefono sul tavolo, da fastidio comunque!

Soluzioni:
1. Modalità areo: equivale a spegnere il telefono ma vi lascia almeno l’accesso a funzioni che vi potrebbero essere utili per prendere appunti o segnare una data a calendario. Lo so non vi piace! 🙂

2. Non disturbare: questa funzione sconosciuta che vi consente di tenere il telefono acceso (si davvero rimanete online) ma filtra le chiamate e le notifiche in base a delle priorità che potete impostare a seconda delle esigenze. Se vi interessa capire come impostarla vi do il link ad Aranzulla [Come risultare irraggiungibile con iPhone | Salvatore Aranzulla]

Una piccolo consiglio ve l’ho dato spero vi sia utile.

Il telefono potete anche spengerlo e attivare la segreteria, fino a qualche anno fa c’erano i gettoni.

E comunque l’importanza non si misura dalle notifiche sul telefono!

Giusto per condividere 🙂 ...Share on Facebook
Facebook
6Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
0Share on LinkedIn
Linkedin
Buffer this page
Buffer

Related Posts

No Comments

Leave a Reply