L’eterna corsa ai numeri, affinate le risorse e scegliete l’acceleratore giusto

Giusto per condividere 🙂 ...Share on Facebook9Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Buffer this page

Questa è sicuramente il momento storico dei numeri. Tutti a rincorrere follower, mi piace, like, commenti e se possibile condivisioni. Tutto ciò a discapito della qualità o della profondità dei contenuti che vengono proposti.

Qualcuno affermerà che questo momento è già passato ma in realtà lo è per i pochi addetti ai lavori che costantemente hanno a che fare con lo strumento e ne capiscono dinamiche ed evoluzioni.

Ma provate a immaginare un comune utente .… gattini, citazioni, selfie, foto provocatorie, pupazzi in giro per il mondo …

E allora !?…..

Vanno di moda i video, allora via con i video anche se fatti o costruiti più o meno bene basta recitare un copione. Se poi ci mettiamo anche le dirette ancora meglio (o peggio).

Ho dei numeri troppo bassi, compro i follower o uso un app tipo Crowdfire almeno poi mi cercano e divento la “star” di turno. Se poi i contenuti hanno poco engagement nessuno se ne frega.

I miei contenuti hanno un basso engagement li metto un una lista di scambio link, faccio gruppi di scambio commenti, li posto in gruppo di scambio like e tante altre.

Non ho tempo di mettere like a destra e a manca attivo un bot per creare interazione.

Va bene lo ammetto pure io, ho usato o uso degli strumenti che mi aiutano e spesso anche in modo anomalo, succede! 🙂

A questo punto però vorrei che rifletteste su alcuni punti:

  • Siete sicuri che queste azioni vi portino un reale ritorno di immagine?
  • E’ giusto usare degli acceleratori di visibilità?
  • Avete riflettuto se il canale che state usando è quello giusto?
  • Vi siete posti un obiettivo?
  • Se siete diventati popolari, quanto credete che duri?
  • Avete dei contenuti validi?

Volete delle risposte?

  • Non sempre anzi a volte se fatte in modo del tutto sconsiderato sono un danno. Un Esempio sono i commenti di Instagram generati in automatico che spesso vanno a finire su foto non appropriate. In un altro post poi ve lo spiego.
  • Si è giusto ma con moderazione e con il cervello accesso. Chi dice di no o è già arrivato dove vuole o non ne conosce l’esistenza. State facendo esattamente come fanno le aziende quando sponsorizzano i contenuti su google o quando vengono sponsorizzate le pagine o post su Facebook, l’importante è farlo nel modo giusto. (comprare i follower non serve a niente!!!)
  • Questo dovete scoprirlo da soli. Siete bravi nei video, siete bravi nel fare le foto, siete dei commerciali ….. ogni social ha una sua peculiarità
  • Cavolo questo si che è importante. Fatelo! Dove volete arrivare, in che settore, cosa avete da dire ….. Fate due conti e vedete se vale la pena costi/benefici (nei costi rientra anche il tempo)
  • Qui vi rimando ad un articolo che ho già scritto e comunque la popolarità sopratutto in questo momento dura poco, abbiamo parecchi fenomeni di “METEORISMO”
  • Sui contenuti riflettete bene!! Senza quelli non andate da nessuna parte! Basta andare dietro la massa createne di vostri non copiate gli altri rischiate rischiate delle sonore figure di m****!

In definitiva fissate un obiettivo, scegliete il mezzo giusto (social, blog etc), fate due conti, create dei contenuti validi, differenziate poi le vostre attività e se volete usate degli “acceleratori” ma fatelo accendendo il cervello.

Ricordate le figure di M sono sempre dietro l’angolo!!

Giusto per condividere 🙂 ...Share on Facebook9Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Buffer this page

Related Posts

No Comments

Leave a Reply